Museo dell'Arte

Arte - τέχνη - art - kunst - искусство - アート

Analisi grafologica dell’artista Gian Lucio Lai, a cura di Daniela Porcu

Il disegno è l’espressione più interiore di chi lo esegue. E’ una vera opera d’ arte che precede qualunque opera di ciascuno di noi: scrittoria, pittorica, scultorea,  poetica, letteraria. La scrittura  è un opera artistica  ricca di segni e significati che nella loro combinazione rivelano la personalità, emozioni, sentimenti dello scrivente.

graf_gian_lucio_lai_01La scrittura dell’artista Gian Lucio Lai, riflette nella sua produzione pittorica, i tratti espressivi del suo scrivere. Dalla sua scrittura emergono i segni più significativi della sua personalità e creatività. Il suo scrivere procede dritto sul foglio senza righe, non pende ne a destra ne a sinistra: mantiene il rigo, scorre in  un tracciato rettilineo, sicuro di se. Razionale,  realista,  riflessivo e  ponderato, come evidenziano gli  stacchi tra le lettere iniziali delle parole  e gli attacchi successivi del procedere (la parola deforme, che ricorre due volte o nella parola bisogno).

Il ritmo scrittorio  presenta un  attacco  iniziale deciso  che prosegue con  una pausa di sospensione di stacco,  quindi di riflessione: gli  stacchi e attacchi delle lettere successive, indicano  la sua capacità di anali e  di sintesi.  Il gesto curvilineo  avanza con ritmo sostenendo alcuni tratti angolosi di lettere che mettono in evidenza il suo intuito e il suo saper fare.

E’ attento e induce a riflettere anche gli altri. Metodico, essenziale e concreto. (non ha ricci particolari tra le lettere). La sensibilità è stimolata dall’intuito, non certo impulsivo, che attiva la sua sensibilità ed espressione. Nella pittura si colgono le  impressioni della sua sensibilità, del suo modo di percepire la realtà e di trasmetterla: non  ama apparire, ma far apparire solo qualcosa di se.

Non si butta sugli eventi. Non si fa prendere da entusiasmi senza che prima passino attraverso il filtro delle concrete possibilità. Le sue opere rappresentano la  realtà in modo vero e reale. La   pressione scrittoria è  scandita in modo omogeneo  e lineare, come nella pittura  non aggredisce la tela su cui dipinge.  La sua visione logica ragionata gli permette  di  mette in evidenza un particolare  come i suoi dipinti dimostrano, nel soggetto – oggetto  che mette in evidenza.  Concreto, non cerca strategie straordinarie per comunicare ma essenziali e reali, sia nella forma che nel contenuto  che rappresenta. Si muove pennellando lentamente ondulando  il suo gesto tra curve e angolosità  nella scrittura come nella pittura.

Nei paesaggi degli alberi, nei dipinti di Macomer, (il paese in cui vive) , “San Giacomo di Orosei”  (paese di origine ) in cui  mette in evidenza le sue radici. Realistico, a tratti idealizzante come nel dipinto “Una rosa sul mare” o nei  paesaggi del mare: “La danza dei cavalli nel mare di Cabras” e  “ La danza dei cavalli a Castelsardo”, lo sfondo è reale, il cielo è disteso in modo lineare, il mare è ondulato  come è nella realtà del suo andare contro vento. Il colore è schiumato dal bianco delle onde.  La rosa posata su un roccia è perfetta, le foglie verdi e il rosso  contrastano l’azzurro del mare, creando una  suspence.

I cavalli rossi, la rosa rossa, sono una scelta che spezza nel contesto reale i colori del mare, in questa trilogia di dipinti  in cui il rosso diventa il colore della vitalità che sobbalza, come una danza: un tocco di vitalità e originalità allo sfondo naturale. La rosa i cavalli si  contrappongono in un dialogo che frattura la vegetazione attesa di un dipinto del mare che concilia la sintesi del talento  dell’artista.

Il movimento è creato dal colore  rosso  che interrompe  la simmetria e  crea dinamicità che esprime il  talento  intuitivo della  personalità dell’artista, un  grande artista interprete di alcuni momenti indimenticabili di Sardegna.  Altri dipinti di notevole espressione dell’artista esprimono questo tocco intuitivo e immaginativo legato alla sua capacità introspettiva.

Il dipinto esposto al Museo di Roscigno Vecchia, dal titolo “Notturno di luci e ombre”, rappresenta le  case di una notte piovosa di New York “, ”Una giornata uggiosa”, “Nebbia a Macomer, “Notturno sul fiume Temo” esprimono la sua capacità introspettiva, nel riflesso dell’acqua tra la pioggia e l’asfalto e il mare; case che si riflettono tra l’asfalto bagnato  e le luci create tra chiaro scuri che si illuminano in  un giallo   fuggente  nel buio  un colpo di fulmine dell ‘immaginazione dell’artista che  attrae chi guarda il dipinto.

Come in altri dipinti il giallo illumina la città. C’è sempre un giallo nei dipinti dell’artista che si nasconde ma traspare e  crea un atmosfera, un intuizione sempre presente tra la realtà è la fugace immaginazione  dell’artista Sardo Gian Lucio Lai.

Daniela Porcu.


Opere di Gian Lucio Lai oggetto di analisi da parte di Daniela Porcu:


Visita la pagina di Gian Lucio Lai

(77)

(Visited 160 times, 1 visits today)
 

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di museodellarte.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Museo dell'Arte © 2016 Frontier Theme