Museo dell'Arte

Arte - τέχνη - art - kunst - искусство - アート

Antonella Bonaffini

Antonella Bonaffini nasce a Messina il 29.08.1974, ma vive nella città capitolina da oltre 16 anni; introversa e determinata si definisce da sempre orgogliosissima di essere Siciliana. E questa Sicilianità passionale ritorna spesso sulle sue tele da cui immediato, si evince il senso di non appartenenza a questo mondo,una diversità intrinseca che l’artista non rinuncia mai a palesare.
Antonella sviluppa la sua creatività subito dopo un evento tragico che segna la vita aprendo un carattere estroverso al silenzio della notte ….. ed è li che ritrova la parola ed il colore, nella solitudine del suo mondo, dove analizzare i cavilli più reconditi di questa esistenza. Quarantunenne di profondissima sensibilità, Antonella è una giovane pittrice che riesce a muovere con ampia capacità espressiva l’inchiostro del colore, imprimendolo sulla tela con uno stile sempre originale.
E’ senza ombra di dubbio un’arte, quella con cui riesce a sfiorare magicamente i suoi pennelli trasmettendo intense percezioni emotive, quali la malinconia che la lega alle sue radici, rappresentando ogni volta lo specchio del suo sentire la vita, gremito di mille sfaccettature. E’ l’elevata sensibilità d’animo che permette di mostrare la parte migliore del nostro cuore, il quale si apre timidamente al mondo, facendo intravedere i sentimenti più intimi. L’occhio del cuore tutto vede e tutto sente e la speranza non muore mai lungo il sentiero del nostro tempo che prosegue la sua frenetica corsa sulla scia di un passato dove scorrono i ricordi di giorni indimenticabili, stampati nella memoria. Molteplicità di emozioni, sensazioni, stati d’animo diventano, sulle nitide tele bianche, colori che mai nessuno potrà cancellare. Le sue opere rapiscono come una calamita per il loro effetto mediato, come le pagine di un libro sempre nuovo, ogni volta da sfogliare con attenzione. Antonella ama dipingere di notte, quando il mondo intorno si arresta e nel silenzio riesce ad ascoltare la voce dei pensieri che come per magia,prendono forma.
L’artista Messinese si è spesso definita figlia della notte ed è indubbio che “se il buio ed il silenzio potessero parlare”, sicuramente urlerebbero il suo nome. Del tutto casualmente alcuni dipinti appaiono per la prima volta in una rivista dal titolo “Le Vie Del Centro” in una pagina dedicata all’Arte. A questa opportunità Antonella ha deciso di dare un seguito importante, attraverso una serie di mostre. E’ la personale organizzata presso “Galleria La Feltrinelli Point” di Terni , protesa a celebrare il colore, a segnare un cambiamento di prospettiva per la pittrice del buio; lo stile dei dipinti nel tempo è andato molto personalizzandosi, piegandosi alla tecnica del tratteggiato. I quadri diventano materici, quasi il soggetto volesse uscire davvero dalle tele; vengono immortalati volti che, a differenza del passato, ritrovano espressione; Crocifissi che si alzano impetuosi su pannelli stracolmi di vividi colori, come se la Fede, fosse il solo mezzo capace di ricondurre l’uomo a quello spazio che si apre alla speranza e che allontana la perdizione; paesaggi assolati, albe e tramonti che rimandano al mare di Sicilia, la sua terra di origine.
E sempre il suo colore tradurrà anche quella poesia cosi elegantemente espressa nei suoi molteplici componimenti poetici che in un modo a tratti disarmante, trasudano anima “Io sono ciò che il mondo vuole io sia – un carnevale di variopinte maschere –un volto manifesto che sorride – un’anima celata che soffre”. “Far arrivare le mie emozioni a chi osserva i miei dipinti non è mai stato semplice, ma mi auguro che, nel tempo, l’inaspettato connubio tra pittura e poesia possa rappresentare il modo più giusto per sapermi raccontare” afferma Antonella Bonaffini.

 Ringrazio la Dott.ssa Daniela Pacelli per la gentile collaborazione, visitate la sua pagina facebook dedicata alla fotografia

(67)

(Visited 237 times, 1 visits today)
 

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di museodellarte.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Museo dell'Arte © 2016 Frontier Theme