Museo dell'Arte

Arte - τέχνη - art - kunst - искусство - アート

Franco Bayslak

FRANCO BAYSLAK E’ NATO A SASSARI IL PRIMO MARZO 1976.

 

DA PADRE SARDO E MADRE GENOVESE ED HA VISSUTO LA SUA PRIMA INFANZIA A CASTELSARDO, PITTORESCO PAESE ARROCCATO IN UNA COLLINA SUL MARE SITO SULLA COSTA NORDOCCIDENTALE DELLA SARDEGNA.

UN BAMBINO COMPOSTO E RISERVATO SEMPRE ACCUDITO E SEGUITO DALLA MAMMA GABRIELLA, UNA DONNA DOLCE E RISOLUTA E DI MENTALITA’ CITTADINA MENTRE IL PAPA’ LAVORAVA NELL’EDILIZIA SPESSO LONTANO DA CASA.

LE ORIGINI SONO MODESTE E LA FAMIGLIA SI TRASFERISCE AD OLBIA PERCHE’ IL CAPOFAMIGLIA LUIGI POSSA TROVARE MIGLIOR FORTUNA LAVORATIVA, COSA CHE IN EFFETTI RIESCE A FARE NEGLI ANNI D’ORO DELLA COSTA SMERALDA DIVENTANDO NEGLI ANNI DA ARTIGIANO EDILE E RINOMATO IMPRENDITORE NEL CAMPO DELL’EDILIZIA IMMOBILIARE E DANDO ALLA FAMIGLIA UN TENORE DI VITA PIU’ RASSICURANTE  DOVE FRANCO E LA SORELLA PIU’ PICCOLA,OGGI PROFESSORESSA DI SCUOLE SUPERIORI HANNO POTUTO FREQUENTARE NORMALMENTE LE SCUOLE E COMPLETARE I PERCORSI SCOLASTICI FORMATIVI.

NELL’ISTRUZIONE DI BASE E’ SEMPRE STATO SEGUITO STRAORDINARIAMENTE DALLA MAMMA FINO ALLE SCUOLE SUPERIORI CHE SI PREMURAVA DI ESSERE  COME UNA SECONDA MAESTRA E SEMPRE BUONA CONSIGLIERA DI VITA E DI MORALE.

SIN DAL PERIODO SCOLASTICO ELEMENTARE FRANCO HA MANIFESTATO PIU’ DI QUALUNQUE COSA LA CREATIVITA’ CHE ESPRIMEVA COL DISEGNO E NELLE SCUOLE E SEMPRE STATO IL PIU’ BRAVO SPICCANDO NELLE MATERIE ARTISTICHE E CREATIVE.

ALLE SCUOLE SUPERIORI AMAVA PIU’ DI TUTTE LE MATERIE LA STORIA DELL ARTE E IN OGNI PROVA RAGGIUNGEVA SEMPRE IL MASSIMO PUNTEGGIO  E TUTTI GLI ELOGI ED OGNI VOLTA CHE APPORTAVA MODIFICHE CREATIVE DI SUA INIZIATIVA, MAGARI AD UNA PROVA NON LIBERA VENIVA DAPPRIMA CRITICATO MA POI ELOGIATO DAGLI INSEGNANTI.

FRANCO HA SEMPRE AVUTO GRANDE CURIOSITA’ NELLE COSE  FUORI DALLA SCUOLA NEI LUNGHI POMERIGGI A CASA FACEVA MILLE ATTIVITA’, DAL SUONARE IL PIANO AVENDO IL COSIDETTO “ORECCHIO” DA AUTODIDATTA, A MATRACCARE CON OGNI COSA SI POTESSE IDEARE E COSTRUIRE COME AD ESEMPIO IMPIANTI AUDIO ARTIGIANALI, BICICLETTE  MOTO E CICLOMOTORI.

MA OGNI SETTIMANA DISEGNAVA E DIPINGEVA CON MATITE ED ACQUERELLI, TRA SCARABOCCHI, BOZZE AUTOMOBILI FUTURISTICHE E PAESAGGI  COPIATI DA ENCICLOPEDIE O FOTOGRAFATI DAL PADRE E DALLA MADRE. DA RAGAZZO SI DIVERTIVA A RITRARRE MOLTI AMICI E COMPAGNI DI SCUOLA  IN MANIERA CARICATURALE  E DIVERTENTE CREANDO TALVOLTA DELLE STORIE E DEI VERI E PROPRI FUMETTI CON GRANDE STUPORE DI TUTTI.

HA PARTECIPATO A DIVERSE MOSTRE GIOVANILI SCOLASTICHE ED EXTRASCOLASTICHE SPESSO CLASSIFICANDOSI PRIMO O TRA I PRIMI, SONO GLI ANNI OTTANTA E PRIMI NOVANTA.

FRANCO E’ SEMPRE STATO UN RAGAZZO ESTREMAMENTE TIMIDO E CHIUSO E PER QUESTO HA SEMPRE AVUTO DIFFICOLTA’ NEL SOCIALIZZARE E NELL’AMPLIARE I CIRCUITI DI RELAZIONI INTERPERSONALI, COSA CHE PER LA VERITA’ HA SEMPRE CREATO IN LUI COMPLESSI E SITUAZIONI DEPRESSIVE DAL QUALE PER MESI NON SI DAVA PACE NEL TENTATIVO DI DARSI DEGLI IMPUT CHE LO PORTASSERO A RISOLVERE LA SITUAZIONE, PER FORTUNA AVEVA SEMPRE ACCANTO UNA MADRE PAZIENTE ED AMOREVOLE CHE PASSAVA LE ORE A DARGLI BUONI CONSIGLI E INCORAGGIARLO, ED UN PADRE CHE PER CERTI VERSI ERA COME IL SUO AMICO MIGLIORE ANCHE SE MOLTO IMPEGNATO.

QUANDO FRANCO SI ISCRIVE ALL’UNIVERSITA ALLA FACOLTA’ DI SCIENZE POLITICHE SI TRASFERISCE PER GLI STUDI A SASSARI.

MA PERDE I CONTATTI CON QUEI POCHI AMICI DELL’INFANZIA E INIZIA AD ISOLARSI IN SE STESSO ED AVERE UNA NOSTALGIA MORBOSA PER LA FAMIGLIA PERALTRO NON TROPPO LONTANA. IN QUESTO PERIODO SMETTE COMPLETAMENTE DI DISEGNARE, DIPINGERE E PRENDERE IN MANO UNA MATITA O UN COLORE SE NON PURAMENTE PER SCRIVERE.

PURTROPPO A META’ DEGLI STUDI LA MAMMA SI AMMALA DELLA FORMA PEGGIORE DI LEUCEMIA E DOPO ESSERE STATA DIAGNOSTICATA AD UNO STADIO GRAVISSIMO IL PADRE DECIDE DI NON ARRENDERSI  E DAI MIGLIORI OSPEDALI DELLA SARDEGNA OPTA PER TRASFERIRLA A GENOVA.

DA LI’ PER TRE ANNI INIZIA IL PELLEGRINAGGIO DI TUTTA LA FAMIGLIA A SEGUITO DELLA MALATTIA DI MAMMA GABRIELLA, CHE PARTIRA’ DA UN MESE DI DEGENZA TRA OLBIA E SASSSARI E NUORO CON RELATIVE TERAPIE AD UN ANNO A GENOVA, 2 MESI A TORINO E MILANO, QUASI UN ANNO A SAN GIOVANNI ROTONDO, LA DOVE FRANCO INTERROMPE PER SEMPRE GLI STUDI ED INSIEME AL PADRE ED ALLA SORELLA FA LA SPOLA TRA LA SARDEGNA  E TUTTI QUESTI POSTI DOVE TROVAVA ALLOGGIO DI VOLTA IN VOLTA LA FAMIGLIA PER SEGUIRE COSTANTEMENTE LE CURE, LE DEGENZE INFINITE E LE TERAPIE DELLA MAMMA CHE E’ SOPRAVISSUTA IN TUTTO QUESTO PER 3 LUNGHI ANNI.

POI  PER UN PERIODO DI QUALCHE MESE LA RIPRESA SEMBRAVA CERTA E SICURA E QUASI MIRACOLOSA MA DOPO UN DEVASTANTE RICADUTA SPIRO’.

TUTTO QUESTO OLTRE AD INTERROMPER LO SPAZIO TEMPO DELL INTERA FAMIGLIA E DELLA VITA DI FRANCO HA CREATO UN VUOTO INCOLMABILE NELLA VITA, NELLA VISIONE DELLA VITA ED IN QUALUNQUE SPIRITO D INIZIATIVA E CREATIVITA’ CHE FRANCO POTESSE AVERE, SICCHE’ FINO AI SUOI 27 ANNI SI E DEDICATO A COLLABORARE COL PADRE NELLA SUA ATTIVITA’ ORMAI PROSCIUGATA DI UTILI A CAUSA DI 3 ANNI DI FERMO, MA SENZA VOGLIA, SENZA ENTUSIASMO, E SENZA MAI UN IMPEGNO PIU’ ALTO DELLA SUFFICIENZA  PASSANDO IL RESTO DEL SUO TEMPO (ORMAI VIVEVA DA SOLO E DISTACCATO DAL RESTO DELLA FAMIGLIA) A SOGNARE UNA VITA DIFFERENTE MA ANCHE A GIROVAGARE DA SOLO ALLA RICERCA DI UN NON SO CHE LO POTESSE AIUTARE A SOCIALIZZARE ED ESSERE ANCORA IL PRIMO DELLA CLASSE.

IN QUESTO PERIODO FREQUENTA UNA RAGAZZA  CHE VIVE A MILANO MA CALABRESE ED INTRAPRENDE UNA LUNGA RELAZIONE A DISTANZA PRENDENDO L’AEREO PER MILANO PIU’ VOLTE A SETTIMANA COME FOSSE UN AUTOBUS.

PROPRIO IN QUESTO FRANGENTE RIPRENDE IN MANO LA MATITA ED I PENNELLI E CREA DUE SPLENDIDI RITRATTI, UNO DELLA RAGAZZA E L’ALTRO DEL PADRE DEFUNTO DI LEI, ACCORTOSI AVERE ANCORA DIMESTICHEZZA CON QUESTI STRUMENTI CREATIVI SI RIFA’ CORAGGIO E SPORADICAMENTE REGALA UN RITRATTO A PERSONE A CUI VUOLE BENE O CHE LO COLPISCONO PARTICOLARMENTE. POI FINISCE QUESTA RELAZIONE  E FRANCO RISENTE INTORNO A SE L’ARIA DI LUTTO FAMIGLIARE  PERDENDO SPESSO LA BUSSOLA,TRA RELAZIONI FRIVOLE, SPERPERAMENTO DI DENARO E CATTIVE FREQUENTAZIONI, E DEPONE NUOVAMENTE LE ARMI DA PITTURA.

SI SPOSA CON LA PERSONA PIU’ SBAGLIATA DI QUESTA TERRA E DOPO 4 ANNI DI VITA STRAMPALATA CHE LO HANNO PORTATO AL LIMITE DELLA LEGALITA’ SI DIVORZIA  E SI RICHIUDE IN TOTALE ISOLAMENTO.

NEL 2009 A 33 ANNI SI RINNAMORA E DECIDE DI INTRAPRENDERE UNA NUOVA ROTTA DI VITA CON UNA GIOVANE DONNA ATTUALMENTE COMPAGNA E MADRE DELL UNICA FIGLIA DI FRANCO.

QUI’ INIZIA AD ESPRIMERE IL SUO STATO DI INNAMORAMENTO CREANDO DEI FEDELI RITRATTI DELLA PROPRIA DONNA IN PENCIL E BIANCO E NERO E RIPRENDENDO SEMPRE PIU’ VOGLIA E SICUREZZA DECIDE DI PROVARE UNO STRUMENTO  CHE NON AVEVA MAI PROVATO PRIMA: I PASTELLI AD OLIO.

SENZA NESSUNA CULTURA A RIGUARDO NE TECNICA ACQUISITA DA STUDI SIN DA SUBITO TROVA DIMESTICHEZZA E DIVERTIMENTO NELL’USO DI TALI MATERIALI ED INIZIA A CREARE UNA VERA E PROPRIA COLLEZIONE TRA VOLTI, RITRATTI, PAESAGGI IN VARIE DIMENSIONI E DAI COLORI ED EFFETTI SPESSO VIVACI CREANDO IN POCHI ANNI UNA VERA E PROPRIA COLLEZIONE, DISSIPATA TRA QUADRI ESPOSTI NELLA PROPRIA ABITAZIONE DI LOIRI E REGALATI AI FAMIGLIARI PIU’ CARI.

INSOMMA LA VOGLIA DI CREARE, DISEGNARE E DIPINGERE O RITRARRE COINCIDE SEMPRE CON UNA FRENETICA ESPLOSIONE DI ENTUSIASMO PER LA VITA ACCOMPAGNATA DA NUOVA POSITIVITA’, AMORE E PASSIONE, E A VOLTE  LE MANI ANDAVANO DA SOLE PERDENDO LA COGNIZIONE DELLO SPAZIO E DEL TEMPO. I RITRATTI SI DIVIDEVANO TRA FEDELI RIPRODUZIONI E SOGGETTI MODIFICATI NELLA POSA E NEL MOVIMENTO.

IN PIU’ VI ERANO DELLE CREAZIONI DI PURA FANTASIA COME I QUADRI A TEMA EROTICO O PAESAGGI MARINI E DI MONTAGNA.

TUTTO CIO’ SPESSO VIENE ACCOMPAGNATO DA SCATTI DI FOTO CHE IMMORTALAVANO UN PAESAGGIO IN UNA PARTICOLARE  ESPOSIZIONE O UN VOLTO DA RITRARRE IN UNA POSIZIONE ESPRESSIVA.

UNO DEI PIU’ BEI LAVORI E STATO SICURAMENTE IL QUADRO PADRE E FIGLIO PERALTRO REGALATO AD UNA PERSONA CHE  LO CHIESE ESPLICITAMENTE ED IO SCELSI LA POSA TRA DECINE DI FOTO. MA IL PIU’ SIGNIFICATIVO ED ORIGINALE E PER L’AUTORE IL QUADRO INTITOLATO OMBRE CHE RITRAE CON UNA TECNICA PIU’ PITTORESCA L’OMBRA DI UN UOMO ED UNA DONNA CHE SI ACCINGONO A SALIRE UNA COLLINA ARIDA A META’ POMERIGGIO.

E’ SEMPRE STATO UN HOBBY FIN QUA, DI FATTI NEGLI ULTIMI 4 ANNI IN SINTONIA CON LA CRISI LAVORATIVA, LA CARENZA DI DENARO E LA FATICA NELLO SBARCARE IL LUNARIO LA PRODUZIONE E DIVENTATA IRRISORIA, MA NEL FRATTEMPO FRANCO ASSIEME ALLA COMPAGNA MENDY SON DIVENTATI GENITORI DI UNA SPLENDIDA BAMBINA CHE OGGI HA 2 ANNI.

DA META’ DEL 2015 FRANCO RICOMINCIA UNA PRODUZIONE DI QUADRI PIU’ ASSIDUA E COSTANTE E DECIDE DI DI POSTARE, PUBBLICIZZARE ED ESIBIRE LE SUE OPERE AD UN PUBBLICO FINO AD ORA LIMITATISSIMO, TRAMITE I SOCIAL, TRAMITE CONTATTI AVENDO MATURATO FINALMENTE A 40 ANNI LA VOLONTA’ DI FARE DELLA SUA PASSIONE UNO STILE DI VITA E TRASFORMARLO NEL SUO UNICO MESTIERE, TUTTO ACCANTO A CIO’ CHE LUI RITIENE L INIZIO DELLA SUA PERSONALE MATURITA’ ARTISTICA.

FRANCO NON HA MAI VOLUTO VENDERE NESSUNA DELLE SUE OPERE, NE TANTOMENO COMMERCIALIZZARE IL SUO OPERATO, COSA CHE HA DECISO DI FARE ED ATTUARE  A PARTIRE DALL’INIZIO DELL’ANNO CORRENTE, CON DISCRETO SUCCESSO, MA SENZA GRANDI PRETESE E COSTANZA FRANCO ORA E’ FINALMENTE NEL SUO MONDO.

LA SUA CITAZIONE  E’ “OGNI GIORNO DIPINGIAMO LA NOSTRA VITA CON LE NOSTRE MANI  POICHE’ SIAMO TUTTI ARTISTI DI NOI STESSI E AUTORI DEL NOSTRO PERCORSO”

Visitate la pagina facebook di Franco Bayslak



 

(103)

(Visited 168 times, 1 visits today)
 

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di museodellarte.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Museo dell'Arte © 2016 Frontier Theme