Museo dell'Arte

Arte - τέχνη - art - kunst - искусство - アート

Il respiro dell’anima, di Sandra Papaserio – Presentato da Pasquale Solano


Quando  qualche tempo fa, ho letto le poesie di Sandra Papaserio da Catania,  ho capito subito, che era una ”Penna”, diversa dalla comune retorica, nell’esprimere un suo romanticismo particolare. Come ogni poeta rende immortali le sue emozioni sulla carta, anche Sandra non si discosta da questo procedimento, però aggraziando la forma ed avendo cura, di abbellire i suoi versi, con degli aggettivi, che intensificano la totale bellezza dei suoi scritti. Le liriche, appaiono con una maestosità aperta dell’anima, che seguono in chiave moderna, la traccia dei grandi ed illustri Autori del passato. La nostra Autrice mette a nudo l’anima, esprimendosi con uno stile diverso, per cui le sue liriche, possono essere lette e rilette all’infinito, senza  far mai stancare il lettore, cosa che magari, con altri Autori non accade.

Sono stato proprio io a spronarla, consigliandole la pubblicazione di questa silloge, solo che per poesie cosi emotivamente coinvolgenti, non mi sarei mai accontentato di una semplice  Casa Editrice o la prima tipografia dietro l’angolo. Volevo il massimo con una pubblicazione seria, creata da Gente Professionalmente preparata. Non potevo che affidarmi all’esperienza pluri-ventennale  della  “Anna Maria Gentile Edizioni”, conosciuta ed apprezzata su tutto il territorio nazionale, anche perché  vanta attraverso la rivista ”Euroarte” ed altre pubblicazioni una consolidata, quanto apprezzata professionalità.

Quando Sandra al telefono mi comunicò che avrebbe accettato il mio invito, le promisi di agevolarla, creando l’impaginazione al libro, la prefazione e la copertina. Non nego che abbiamo avuto i nostri contrattempi e sono sorti dei vari problemi, però alla fine ce l’abbiamo fatta ed il libro, ormai, si trova alla fase finale,con la stampa. Per Sandra, sarà un sogno che si realizza e questa silloge, rappresenta  la sua prossima creatura quella creatura a cui ha saputo offrire un’ insolito  profumo letterario. Sono fiero come Critico, di avere presentata un’opera così bella e di essere andato finalmente incontro, alle esigenze dei Lettori, i quali da sempre, vanno alla ricerca, di qualcosa di nuovo, di innovativo, perché, anche se stiamo vivendo un momento critico, nessuno mai ci impedirà di entrare, nella libertà di  un sogno…..Un sogno che si intitola: ”Il Respiro dell’anima”, perché  anche l’anima, ha bisogno di  cibo spirituale,che può provenire  dalla melodia della  poesia;

Grazie per avermi letto: Pasquale Solano

P.S. vi invito, amici  carissimi, alla lettura della mia prefazione:

Presentare un’Autrice dello spessore di Sandra Papaserio, non e’ un progetto relativamente facile, in quanto questa Poetessa, a detta degli Esperti, sviluppa con la poesia, un’ampia tematica, prendendo in considerazione molti soggetti. Certamente tra questi, prevale la lirica dedicata all’amore, che lei espone con toni di romanticismo, perfettamente adatto ed in parallelo, ad un evidente stile platonico, che va ad associarsi simultaneamente, in un contesto dai risvolti panteistici, dove include, gli elementi della natura,con tutta la loro forza rigeneratrice. La nostra Autrice, sa tradurre gli equilibri dell’anima, cioè i sentimenti,che riaffiorando, si vestono di poesia e delizia, per tramutarsi nelle affinità di sensibili versi. Praticamente la Papaserio, trasferisce con grande abilità di scrittrice le sue emozioni,  per renderle eterne sulla carta, proprio come in un flash fotografico da immortalare.

I suoi tramonti, le albe descritte, la bellezza del creato, vengono tramutate da semplice paesaggistica, in emozioni, in cui l’amore, diventa assoluto protagonista, farcito da soavi, quanto profondi versi. Il Lettore  sarà magnetizzato dalla forma letteraria espressa e senza rendersene conto, vivrà un arcobaleno di magiche tenerezze poetiche, proiettate in una profondità  universale, dove la cetra dell’anima, viene sostituita dalle vibranti sensazioni proposte, sensazioni che s’inoltrano in un fantastico e surreale viaggio nell’universo, fino a toccare quasi con un sano surrealismo, l’utopica soglia del divino.

Proprio in questo ambito, si notano spesso dei ritorni alla realtà, alla normale ed andante quotidianità, ripresa con eloquente maestria poetica letteraria, proveniente quasi, da mondi lontani, per poi inabissarsi nella lirica vera e propria, con il suo romantico e consistente profumo letterario. A questo punto, mi sembra logico, di conoscerla meglio, in modo cari Lettori, che anche voi, possiate apprezzare la sua vena poetica:

Sandra Papaserio, nasce a Catania il 10 maggio del 1968 e già dall’infanzia viene notata per la sua ottima indole, nel campo della recitazione. Il mondo degli adulti, l’apprezza maggiormente, collocandola come fosse una bambina prodigio. Se avesse opinato per questa scelta nell’età adulta, oggi avremmo certamente una grande attrice di teatro, ma così non e’ stato. Inutile dire, che sentiva già allora la sua anima, in perfetta simbiosi con la poesia, che pare sia diventata, una delle sue ragioni di vita. Come sopra menzionato, il suo universo di donna e Poetessa, affronta differenti tematiche nello scrivere, collocandola in un talento poliglotta, che spesso supera la barriera dell’umano raziocinio.

Frequenta la scuola dell’obbligo e successivamente dei corsi specifici, di marketing ed informatica. Per un breve periodo, lavora come rappresentante anche se il ritorno allo scrivere poesie, e’ sempre più pressante ed esigente. Da qui la sua decisione, di confrontarsi poeticamente con il mondo, anche se ormai la notorietà è alla porte, in quanto viene pubblicata la sua prima fatica letteraria, ossia una silloge poetica, che viene prettamente apprezzata, specialmente da quelle anime sensibili, in sintonia con il suo inconfondibile modo di scrivere. Proprio questo suo primo libro, dal titolo: “La voce del cuore”, edito in Italia dalla Casa editrice Albatros, ottiene  simultaneamente, un successo immediato ed insperato. Attualmente ha creata un’attività tutta sua, cioè  realizza poesie, su pergamene personalizzate. Naturalmente i premi ed i riconoscimenti, non sono venuti a mancarle e di seguito,ne elenchiamo qualcuno tra i più importanti:

Nel 2012 All’ “Accademia internazionale il Convivio”, è finalista, con segnalazione di merito, al premio “Pensieri in versi, per il libro: ” La voce del cuore”.

Sempre nello stesso anno, consegue un altro meritato riconoscimento, al Premio Internazionale Letterario, Città di Cattolica, per la categoria “Speciale Emotion”, dove le viene assegnata una prestigiosa targa.

Nel 2013 invece, partecipa al “Premio Letterario Europeo” Massa,Città fiabesca, di marmo e mare, dove le viene consegnato un diploma ed anche una medaglia, con la seguente motivazione: “Come Autrice Commendevole”.

Nel 2014 all’Accademia Internazionale il Convivio, ottiene un Riconoscimento di Merito, per la sezione “Poesia inedita”.

Nel 2016 finalmente, si realizza uno dei suoi sogni: “Al Club della Poesia” di Cosenza, con me presente, le e’ stato rilasciato un’importante diploma dall’Associazione, firmato dal Sottoscritto e dal Presidente di questa Associazione poetica, Socio-Culturale, Il Signor Andrea Fabiani. Tre delle sue poesie, sono state lette in sala, con un sottofondo musicale ed al termine della lettura, l’ambiente, è esploso in un lungo applauso, che ha consacrata, con un diploma, la Poesia di Sandra Papaserio: “Il giardino incantato”, lirica vincente.


Di seguito,riportiamo i versi di questa bella poesia:

 

Il Giardino Incantato

 

Nel giardino incantato,

dove tu,mi hai cercato,

io, come un fiore avvizzito,

sfiorita dall’amarezza del tempo

lì,dove hai sentito

il grido, del mio silenzio,

tu, che hai attraversato

l’inferno delle mie paure,

per poter sfiorare il mio viso

sei dono e luce

nel mio profondo,

quell’oasi fiorita,

nel deserto della mia vita.

Gemiti di vento, son le tue parole,

che come un caldo sole

mi sussurravano nel cuore

e mutando il mio cielo,pieno di stelle,

mi facevi sentire

il canto più suadente della luna.

Ed ora che la gioia dei miei occhi,

grida il tuo nome,

hai invaso la mia anima

del tuo dolce respiro, amor mio,

ora, che hai aperto le porte

delle mie prigioni.

Hai donato ali nuove, al cuor mio

ali grandi, che giungono

all’immensità dell’amore

ed io in quel giardino, ormai fiorito,

come la rosa più odorosa,

che splendo per te.
Sandra Papaserio

 

 

Analisi  della poesia

Sulle vibranti quanto sognanti ali del romanticismo, la Poetessa Sandra Papaserio da Catania, tende a sviluppare un plausibile concetto d’amore, che va ad interpretare le delicate quanto sensibili sensazioni provenienti dall’anima. Il suo sogno poetico si libra in un fantastico giardino incantato, che in realtà è l’amore stesso, vissuto nella sua totale essenza platonica, dove fa capolino l’ombra di rimembranze già vissute.

L’Associazione che coinvolge il sentimento, agli effetti fisici reali, e’ senza ombra di dubbio accettabilissima ed infatti nell’esposizione troviamo i sostantivi: Giardino, fiore, viso, inferno, dono, luce, oasi deserto e molti altri ancora, nomi che vengono appositamente inseriti e doverosamente calibrati con una dinamica letteraria, che va ad alimentare in chiave moderna, un contesto riassuntivo, riferito ai grandi temi classici, con i loro rispettivi Autori. In realtà, la lirica è un viaggio introspettivo, che la nostra Autrice rivolge probabilmente ad un’ amore vissuto o più semplicemente, una sua particolare veduta di sognatrice, che si diletta, nei gentili e delicati interrogativi del suo inconscio di Autrice, ma pure di donna.

Il sipario poetico, si chiude,con una bella rosa odorosa, almeno così si autodefinisce Sandra Papaserio, che tonifica con la sua presenza, un giardino fiorito, forse quel sottinteso giardino incantato, che ha saputo creare, col metodico sostegno, di questi avvincenti versi …. e noi da buoni Intenditori, siamo d’accordo con lei:

Pasquale Solano

 

(104)

(Visited 135 times, 1 visits today)
 

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di museodellarte.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Museo dell'Arte © 2016 Frontier Theme