Museo dell'Arte

Arte - τέχνη - art - kunst - искусство - アート

Naif

Per Arte naïf (dal francese naïf, ossia “ingenuo”) si intende un certo tipo di produzione artistica priva di legami con la realtà culturale e accademica della società in cui è prodotta.

L’artista naïf è di solito autodidatta, privo di specifica formazione artistica, di livello culturale ed estrazione sociale modesti; raramente, almeno in origine, era professionista. Le opere naïf, generalmente dipinti, sono caratterizzate da una notevole semplificazione concettuale e da una certa modestia tecnica ed esecutiva, sia nel disegno che nella stesura del colore e nell’impianto prospettico e compositivo d’insieme. Il tema predominante è la rappresentazione della realtà sociale più umile e quotidiana, generalmente in chiave favolistica, poetica o magica.

L’arte naïf possiede comunque una certa consapevolezza delle sue caratteristiche, distinguendosi in ciò dall’arte primitiva (anche se essa è talvolta indicata come «arte neoprimitiva»), oltre che serietà e rigore sufficienti a porla su un altro piano rispetto all’arte dilettantistica.

Questo particolare approccio all’arte assurse rilevanza storica a partire dalla fine del XIX secolo, quando Rousseau il Doganiere espose opere di tale impostazione al Salon des Indépendants del 1886, suscitando interesse ed ammirazione da parte dei letterati Alfred Jarry e Guillaume Apollinaire, oltre che, anni più tardi, del giovane Pablo Picasso, al pari di quanto avveniva in quegli stessi decenni per l’arte primitiva.

A partire dai primi decenni del Novecento l’arte naïf conobbe un notevole sviluppo e una certa popolarità. In Germania, il critico Wilhelm Uhde valorizzò l’opera della pittrice Séraphine de Senlis. In Francia, lo scrittore George Courteline espose nel 1927 a Parigi la sua collezione di dipinti naïf, definendola «Musée du Labeur Ingénu» e riscattandola dall’appellativo di «museo degli orrori» affibbiatole nel 1900 dalla rivista Cocorico; la collezione di Uhde venne donata al Museo d’arte moderna di Parigi, mentre riscossero successo pittori quali Louis Vivin, Camille Bamboise e André Bauchant. L’istituzione nel 1966 della Triennale d’arte naïf a Bratislava contribuì al fiorire del genere nell’Europa dell’Est e in particolare in Jugoslavia, dove fu protagonista Ivan Generalić, che ebbe il merito di diffondere la tecnica della pittura su vetro. Diverse mostre esportarono il genere in vari Paesi, fra cui gli Stati Uniti e l’Italia, dove si distinsero in particolare Orneore Metelli, Antonio Ligabue e Dino Pasotti.

Tuttavia, l’avvento del professionismo tra gli artisti naïf e l’inevitabile influenza del mercato dell’arte e delle gallerie finirono con il pregiudicare le caratteristiche che furono alla base dell’iniziale successo, ossia la spontaneità e l’ingenuità.


 Fonte Wikipedia

 Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.



(103)

(Visited 176 times, 1 visits today)
 

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di museodellarte.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

1 Comment

Add a Comment
  1. Altro nome del panorama naif presente al Museo Zander e al Museo Jakovsky è quello di Antonino Mancuso Fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Museo dell'Arte © 2016 Frontier Theme