Museo dell'Arte

Arte - τέχνη - art - kunst - искусство - アート

Paolo Laconi

Paolo Laconi

Uno stile unico, allegro, fatto di colori intensi e vivaci

L’arte e la storia professionale di Paolo Laconi possono essere descritte dalla sintesi che di lui ha fatto Gianni Simeone il quale, nel luglio 2011,Paolo Laconi scriveva sulle pagine di Sardegna Magazine queste considerazioni.

Non è facile entrare nel mondo di un artista, è più facile che sia lui a farci entrare nel suo. Anzi, a farci vedere, o sentire, cose che a prima vista possono sfuggire ma che sono presenti allo sguardo e all’intuizione di tutti quelli che desiderano attingere al profondo delle cose. Essere “artisti”, dunque,è, in qualche modo, svelare,far capire, con un proprio stile che attinge all’universale attraverso l’interpretazione interiore personale, che di fatto ne costituisce una nota.

Qual è la nota che ci regala Paolo Laconi? La nota del “sogno”. Un “sogno” che attinge dai colori e dalle maschere della Sardegna, quei cromatismi che danno vita a storie e personaggi fantastici e surreali , a volte pieni di mistero, che alludono “ad altro”. Un altro mondo? Un altro sentire? Un altro vedere? Questo è “altro”, appunto. Quel qualcosa che a nostro avviso colora la realtà di un’altra verità, mascherata dalle convenzioni, svelata dall’arte che allude a nuove relazioni: più umane, perché viste con lo sguardo di un fanciullo che si sorprende ogni volta di un incontro, di un gioco, di un amore, della natura , della vita stessa, e che allude al rinnovamento di tutte le cose sotto l’apparenza della staticità, che invece diventa uno strumento per giocare, e come d’incanto si scioglie in mille sfaccettature, dove l’artigiano cesella il suo sentire e, spesso con ironia, ci conduce a un’umanità popolare e fantastica invitandoci al cambiamento.

La tradizione viene rispettata, il nuovo viene a creare e ri-creare. Le fantasia di Paolo Laconi, però, non è mai fine a sé stessa , e a volte si fa pure sguardo disincantato, educativo. I volti-maschera, si rifanno alla tradizione dei MAMUTHONES, alludono in maniera raffinata a relazioni più interiori, i colori e i paesaggi evocano atmosfere di una vita intrisa di simbolismi arcani e allegri a un tempo, gli oggetti si fanno “vivi”.

Paolo Laconi è un artista che ha saputo ricreare dentro di sé in maniera contemporanea, e sotto certi aspetti “futurista” , quel mondo che cerca,cui allude e che ognuno spera di trovare, che è la vita stessa, ricreata, e allo stesso tempo quell’oltre cui si aspira. Paolo Laconi è nato a Cagliari, in quel XX secolo, l’8 febbraio 1956. Inizia la sua attività artistica da autodidatta maturando un’esperienza trentennale che lo porta a numerose vetrine espositive in Italia ed all’estero. Dal realismo , privilegiando l’acquerello, dipingendo tradizionalmente i luoghi a lui più cari; quelli della Sardegna e della sua città natìa.

Gli anni Novanta lo vedono in piena “crisi mistica”: un intenso lavoro di sperimentazione che lo porterà ad abbracciare con successo la strada di un nuovo percorso pittorico, tecnicamente compiuto, “sardamente connotato” e che costituisce la sua arte attuale, originale, difficilmente incanalabile, che a volte è stata definita “surrealismo etnico”, e che a noi – si “badi bene…” – piace chiamare “Espressionismo surreale sardo”.

Fonte: sito ufficiale dell’artista.

4 10 pl_02 pl_08 pl_12

(87)

(Visited 969 times, 2 visits today)
 

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di museodellarte.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Museo dell'Arte © 2016 Frontier Theme